Pubblicato il Lascia un commento

RSPP RISCHIO ALTO (DATORE DI LAVORO IN ASSUNZIONE DIRETTA)

RSPP RISCHIO ALTO (DATORE DI LAVORO IN ASSUNZIONE DIRETTA)

L’RSPP è definito dal D.Lgs. 81/08 come un soggetto in possesso di capacità e requisiti adeguati alla natura dei rischi potenzialmente presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative in cui i lavoratori sono impiegati. Si tratta di una figura aziendale obbligatoria con molteplici obblighi e numerosi incarichi di consulenza. In alcuni casi, questo compito viene svolto direttamente dal Datore di lavoro che, nell’ottica di un miglioramento progressivo dei livelli di Salute e di Sicurezza, concorre sinergicamente alla definizione di nuovi piani, programmi e procedure per limitare l’occorrenza dei rischi sul lavoro.

 Il corso ha l’obiettivo di formare il Datore di lavoro rispetto alle fondamentali competenze in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, per permettere lo svolgimento diretto dei compiti di prevenzione e protezione in azienda.

Il corso è rivolto ai datori di lavoro che vogliono assumere l’incarico di RSPP (Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione) nelle aziende a Rischio Alto ai sensi del D.Lgs 81/08 e dell’Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011.

I docenti incaricati allo svolgimento della formazione sono esperti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro qualificati ai sensi del D.I. del 06/03/2013.

48 ore

il corso è fruibile nelle seguenti modalità:

  • I parte (24 ore) in modalità e-learning 
  • II parte (24 ore) in modalità FAD o aula

Modulo 1 (Normativo-Giuridico)
– Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
– La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa
– La “responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica” ex D. Lgs. n.231/2001 e s.m.i.
– Il sistema istituzionale della prevenzione
– I soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D. Lgs. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità

Modulo 2 (Gestionale)
– I criteri e gli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi
– La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi
– La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori
– Il documento di valutazione dei rischi (contenuti specificità e metodologie)
– Modelli di organizzazione e gestione della sicurezza
– Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione
– Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza
– La gestione della documentazione tecnico amministrativa
– L’organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze

Modulo 3 (Tecnico)
– I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione.
– Il rischio da stress lavoro-correlato.
– Rischi ricollegabili al genere, all’età e alla provenienza da altri paesi.
– I dispositivi di protezione individuale.
– La sorveglianza sanitaria.

Modulo 4 (Relazionale)
– L’informazione, la formazione e l’addestramento;
– Le tecniche di comunicazione;
– Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda;
– La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza: natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Al termine del corso sarà rilasciato l’attestato di partecipazione previo superamento del test finale

Secondo le indicazioni dell’Art.34 del D.Lgs 81/08 e dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 la formazione del RSPP prevede un aggiornamento periodico quinquennale della durata di 14 ore.

QUOTE ISCRIZIONE

€ 240 + IVA

*Si ricorda che le iscrizioni verranno accettate in ordine cronologico di arrivo, previa conferma

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353 oppure compila il form per essere ricontattato.

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social
Pubblicato il Lascia un commento

RSPP RISCHIO MEDIO (DATORE DI LAVORO IN ASSUNZIONE DIRETTA)

RSPP RISCHIO MEDIO (DATORE DI LAVORO IN ASSUNZIONE DIRETTA)

L’RSPP è definito dal D.Lgs. 81/08 come un soggetto in possesso di capacità e requisiti adeguati alla natura dei rischi potenzialmente presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative in cui i lavoratori sono impiegati. Si tratta di una figura aziendale obbligatoria con molteplici obblighi e numerosi incarichi di consulenza. In alcuni casi, questo compito viene svolto direttamente dal Datore di lavoro che, nell’ottica di un miglioramento progressivo dei livelli di Salute e di Sicurezza, concorre sinergicamente alla definizione di nuovi piani, programmi e procedure per limitare l’occorrenza dei rischi sul lavoro.

 Il corso ha l’obiettivo di formare il Datore di lavoro rispetto alle fondamentali competenze in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, per permettere lo svolgimento diretto dei compiti di prevenzione e protezione in azienda.

Il corso è rivolto ai datori di lavoro che vogliono assumere l’incarico di RSPP (Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione) nelle aziende a Rischio Medio ai sensi del D.Lgs 81/08 e dell’Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011.

I docenti incaricati allo svolgimento della formazione sono esperti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro qualificati ai sensi del D.I. del 06/03/2013.

32 ore

il corso è fruibile nelle seguenti modalità:

  • I parte (16 ore) in modalità e-learning 
  • II parte (16 ore) in modalità FAD o aula

Modulo 1 (Normativo-Giuridico)
– Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
– La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa
– La “responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica” ex D. Lgs. n.231/2001 e s.m.i.
– Il sistema istituzionale della prevenzione
– I soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D. Lgs. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità

Modulo 2 (Gestionale)
– I criteri e gli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi
– La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi
– La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori
– Il documento di valutazione dei rischi (contenuti specificità e metodologie)
– Modelli di organizzazione e gestione della sicurezza
– Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione
– Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza
– La gestione della documentazione tecnico amministrativa
– L’organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze

Modulo 3 (Tecnico)
– I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione.
– Il rischio da stress lavoro-correlato.
– Rischi ricollegabili al genere, all’età e alla provenienza da altri paesi.
– I dispositivi di protezione individuale.
– La sorveglianza sanitaria.

Modulo 4 (Relazionale)
– L’informazione, la formazione e l’addestramento;
– Le tecniche di comunicazione;
– Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda;
– La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza: natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Al termine del corso sarà rilasciato l’attestato di partecipazione previo superamento del test finale

Secondo le indicazioni dell’Art.34 del D.Lgs 81/08 e dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 la formazione del RSPP prevede un aggiornamento periodico quinquennale della durata di 10 ore.

QUOTE ISCRIZIONE

€ 240 + IVA

*Si ricorda che le iscrizioni verranno accettate in ordine cronologico di arrivo, previa conferma

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353 oppure compila il form per essere ricontattato.

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social
Pubblicato il Lascia un commento

RSPP RISCHIO BASSO (DATORE DI LAVORO IN ASSUNZIONE DIRETTA)

RSPP RISCHIO BASSO (DATORE DI LAVORO IN ASSUNZIONE DIRETTA)

L’RSPP è definito dal D.Lgs. 81/08 come un soggetto in possesso di capacità e requisiti adeguati alla natura dei rischi potenzialmente presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative in cui i lavoratori sono impiegati. Si tratta di una figura aziendale obbligatoria con molteplici obblighi e numerosi incarichi di consulenza. In alcuni casi, questo compito viene svolto direttamente dal Datore di lavoro che, nell’ottica di un miglioramento progressivo dei livelli di Salute e di Sicurezza, concorre sinergicamente alla definizione di nuovi piani, programmi e procedure per limitare l’occorrenza dei rischi sul lavoro.

 Il corso ha l’obiettivo di formare il Datore di lavoro rispetto alle fondamentali competenze in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, per permettere lo svolgimento diretto dei compiti di prevenzione e protezione in azienda.

Il corso è rivolto ai datori di lavoro che vogliono assumere l’incarico di RSPP (Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione) nelle aziende a Rischio Basso ai sensi del D.Lgs 81/08 e dell’Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011.

I docenti incaricati allo svolgimento della formazione sono esperti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro qualificati ai sensi del D.I. del 06/03/2013.

16 ore

il corso è fruibile nelle seguenti modalità:

  • I parte (8 ore) in modalità e-learning 
  • II parte (8 ore) in modalità FAD o aula

Modulo 1 (Normativo-Giuridico)
– Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
– La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa
– La “responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica” ex D. Lgs. n.231/2001 e s.m.i.
– Il sistema istituzionale della prevenzione
– I soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D. Lgs. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità

Modulo 2 (Gestionale)
– I criteri e gli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi
– La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi
– La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori
– Il documento di valutazione dei rischi (contenuti specificità e metodologie)
– Modelli di organizzazione e gestione della sicurezza
– Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione
– Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza
– La gestione della documentazione tecnico amministrativa
– L’organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze

Modulo 3 (Tecnico)
– I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione.
– Il rischio da stress lavoro-correlato.
– Rischi ricollegabili al genere, all’età e alla provenienza da altri paesi.
– I dispositivi di protezione individuale.
– La sorveglianza sanitaria.Modulo 4 (Relazionale)
– L’informazione, la formazione e l’addestramento;
– Le tecniche di comunicazione;
– Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda;
– La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza: natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Al termine del corso sarà rilasciato l’attestato di partecipazione previo superamento del test finale

Secondo le indicazioni dell’Art.34 del D.Lgs 81/08 e dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 la formazione del RSPP prevede un aggiornamento periodico quinquennale della durata di 6 ore.

QUOTE ISCRIZIONE

€ 240 + IVA

*Si ricorda che le iscrizioni verranno accettate in ordine cronologico di arrivo, previa conferma

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353 oppure compila il form per essere ricontattato.

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social
Pubblicato il Lascia un commento

ADDETTO AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI

ADDETTO AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI

Il corso è rivolto a tutti gli Operatori Addetti al Montaggio, Smontaggio e Trasformazione di Ponteggi, disciplinato dall’Art. 136 comma 8 e allegato XXI del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Il corso è finalizzato all’apprendimento di tecniche operative adeguate ad eseguire in condizioni di sicurezza le attività di montaggio, smontaggio e trasformazione di ponteggi.

Il corso è rivolto a tutti i lavoratori e i preposti addetti al montaggio, smontaggio e trasformazione di ponteggi.

I docenti incaricati allo svolgimento della formazione sono esperti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro qualificati ai sensi del D.I. del 06/03/2013.

28 ore

il modulo teorico (14 ore) può essere svolto in presenza o in FAD, il modulo pratico (14 ore) deve essere svolto in presenza.

-MODULO GIURIDICO

  • Legislazione generale di sicurezza in materia di prevenzione infortuni
  • Analisi dei rischi
  • Norme di buona tecnica e di buona prassi
  • Statistiche degli infortuni e delle violazioni delle norme nei cantieri
  • Titolo IV, capo II limitatamente ai “Lavori in quota”
  • Titolo IV, capo I “Cantieri”

-MODULO TECNICO

  • Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (Pi.M.U.S.)
  • Autorizzazione ministeriale
  • Disegno esecutivo
  • Progetto
  • DPI anticaduta: uso, caratteristiche tecniche, manutenzione, durata e conservazione
  • Ancoraggi: tipologie e tecniche
  • Verifiche di sicurezza: primo impianto, periodiche e straordinarie

-MODULO PRATICO

  • Elementi di gestione di prima emergenza
  • Salvataggio
  • Montaggio-smontaggio-trasformazione di ponteggio a tubi e giunti (PTG)
  • Montaggio-smontaggio-trasformazione di ponteggio a telai prefabbricati (PTP)
  • Montaggio-smontaggio-trasformazione di ponteggio a montanti e traversi prefabbricati (PMTP)

Al termine del corso sarà rilasciato l’attestato di partecipazione previo superamento della prova finale.

Secondo le indicazioni dell’Allegato XXI del D.Lgs 81/08, la formazione per gli addetti al montaggio, smontaggio e trasformazione di ponteggi prevede un aggiornamento periodico quadriennale della durata di 4 ore.

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social
Pubblicato il Lascia un commento

Corso per Lavoratori addetti alla Segnaletica Stradale

Corso per Lavoratori addetti alla Segnaletica Stradale

Le fasi di installazione, di disinstallazione e di manutenzione della segnaletica di cantiere, unitamente agli interventi eseguiti in emergenza (es. incidenti stradali), costituiscono attività lavorative comportanti un rischio derivante dall’interferenza con il traffico veicolare. In particolare la posa, la rimozione di coni, dei delineatori flessibili, e il tracciamento della segnaletica orizzontale associato costituiscono fasi di lavoro particolarmente delicate per la sicurezza degli operatori.

Lavoratori adibiti all’installazione ed alla rimozione della segnaletica di cantieri stradali in presenza di traffico o comunque addetti ad attività in presenza di traffico.

Obiettivo del corso, conforme al Decreto Interministeriale entrato in vigore il 20/04/2013 è quello di fornire una formazione specifica ai lavoratori adibiti all’installazione e rimozione della segnaletica di cantieri stradali in presenza di traffico o comunque addetti ad attività in presenza di traffico. Il corso è finalizzato all’apprendimento di tecniche operative in presenza di traffico, adeguate ad eseguire in condizioni di sicurezza le attività di:

  • installazione del cantiere
  • rimozione del cantiere
  • manovre di entrata e uscita dal cantiere
  • interventi di emergenza

1. Modulo Giuridico Normativo 

  • Cenni sulla legislazione generale di sicurezza in materia di prevenzione infortuni con particolare riferimento nei cantieri temporanei e mobili in presenza di traffico
  • Cenni sugli articoli del codice della strada e del suo regolamento di attuazione, che disciplinano l’esecuzione di opere, depositi, e l’apertura di cantieri sulle strade di ogni classe
  • Cenni sull’analisi dei rischi a cui sono esposti i lavoratori in presenza di traffico e di quelli trasmessi agli utenti
  • Cenni sulle statistiche degli infortuni e delle violazioni delle norme dei cantieri stradali in presenza di traffico
  • Nozioni sulla segnaletica temporanea
  • I DPI: indumenti ad alta visibilità
  • Organizzazione del lavoro in squadra, compiti degli operatori e modalità di comunicazione
  • Norme operative e comportamentali per l’esecuzione in sicurezza di interventi programmati e di emergenza
  • Tecniche di installazione e rimozione della segnaletica per cantieri stradali su:
    • strade di tipo A, B, D (autostrade, strade extraurbane principali, strade urbane di scorrimento)
    • strade di tipo C, F (strade extraurbane secondarie e locali extraurbane)
    • strade di tipo E, F (strade urbane di quartiere, locali urbane)
  • Tecniche di intervento mediante cantieri mobili
  • Tecniche di intervento in sicurezza per situazioni di emergenza

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social
Pubblicato il Lascia un commento

Corso Pompe Calcestruzzo

Corso Pompe Calcestruzzo

Fermi restando gli obblighi di formazione e addestramento specifici previsti dall’art. 73, comma 4, del D.Lgs. 81/08, e secondo quanto stabilito dall’Accordo Stato Regioni Provincie autonome di Trento e Bolzano del 22/02/2012, l’ utilizzo di pompe per calcestruzzo richiede il possesso, da parte dell’ operatore, di un’abilitazione da conseguire frequentando con esito positivo il corso di seguito specificato..

Lavoratori addetti all’utilizzo di pompe per calcestruzzo.

1. Modulo giuridico – normativo (1 ora)

  • Presentazione del corso.
  • Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai lavori relativi ai cantieri temporanei o mobili (D.Lgs. 81/08). Responsabilità dell’operatore.

2. Modulo tecnico (6 ore)

  • Categorie di pompe: i vari tipi di pompe e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche.
  • Componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio.
  • Dispositivi di comando e di sicurezza: individuazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, individuazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.
  • Controlli da effettuare prima dell’utilizzo: controlli visivi e funzionali, dei dispositivi di comando, di segnalazione e di sicurezza previsti dal costruttore nel manuale di istruzioni.
  • Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nell’utilizzo delle pompe (rischi di elettrocuzione, rischi ambientali, rischi dovuti ad urti e cadute a livello, rischio di schiacciamento, ecc.). Spostamento e traslazione, posizionamento e stabilizzazione, azionamenti e manovre, parcheggio in modo sicuro a fine lavoro.
  • Partenza dalla centrale di betonaggio, trasporto su strada, accesso al cantiere: caratteristiche tecniche dei mezzo; controlli preliminari alla partenza; modalità di salita sui mezzo; norme di comportamento sulla viabilità ordinaria; norme di comportamento nell’accesso e transito in sicurezza in cantiere; DPI da utilizzare.
  • Norme di comportamento per le operazioni preliminari allo scarico: controlli su tubazioni e giunti; piazzamento e stabilizzazione del mezzo mediante stabilizzatori laterali e bolla di livello; sistemazione delle piastre ripartitrici; controllo di idoneità del sito di scarico calcestruzzo; apertura del braccio della pompa.
  • Norme di comportamento per lo scarico del calcestruzzo; precauzioni da adottare per il pompaggio in presenza di linee elettriche, pompaggio in prossimità di vie di traffico; movimentazione del braccio della pompa mediante radiocomando; inizio del pompaggio; pompaggio del calcestruzzo.
  • Pulizia del mezzo: lavaggio tubazione braccio pompa, lavaggio corpo pompa.Manutenzione straordinaria della pompa: verifica delle tubazioni di mandata, del sistema di pompaggio e della tramoggia.

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social
Pubblicato il Lascia un commento

Corso Trattori Agricoli e Forestali

Corso Trattori Agricoli e Forestali

Indipendentemente della specifica tipologia di mezzo, il Corso per l’Uso in Sicurezza ha l’obiettivo di trasferire a chi utilizza un’attrezzatura speciale la conoscenza di:
– norme sull’Igiene e la Sicurezza;
– prevenzione e controllo di incidenti (conoscenza dei rischi derivanti da un uso non corretto di macchine e attrezzature);
– prescrizioni in materia di protezione personale;
– uso dei dispositivi di comando, di sicurezza e di emergenza di macchine e attrezzature da lavoro.

I corsi sono indirizzati agli operatori di attrezzature e macchine da lavoro senza vincoli di marche e/o modelli, e si rivolgono sia a professionisti che abitualmente usano i mezzi oggetto del corso che a lavoratori inesperti. Per questi ultimi è prevista anche la possibilità di approfondire e perfezionare la pratica seguendo un corso avanzato di conduzione.

Presentazione del corso. Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento all’uso di attrezzature di lavoro semoventi con operatore a bordo (D.Lgs. n. 81/2008). Responsabilità dell’operatore.Categorie di trattori: i vari tipi di trattori a ruote e a cingoli e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche.
Componenti principali: struttura portante, organi di trasmissione, organi. di propulsione, organi di direzione e frenatura, dispositivi di accoppiamento e azionamento delle macchine operatrici, impianto idraulico, impianto elettrico.Dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.Controlli da effettuare prima dell’utilizzo: controlli visivi e funzionali.
DPI specifici da utilizzare con i trattori: dispositivi di protezione dell’udito, dispositivi di protezione delle vie respiratorie, indumenti di protezione contro il contatto da prodotti antiparassitari, ecc..Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nell’utilizzo dei trattori (rischio di capovolgimento e stabilità statica e dinamica, contatti non intenzionali con organi in movimento e con superfici calde, rischi dovuti alla mobilità, ecc.). Avviamento, spostamento, collegamento alla macchina operatrice, azionamenti e manovre.Individuazione dei componenti principali: struttura portante, organi di trasmissione, organi di propulsione, organi di direzione e frenatura, dispositivi di accoppiamento e azionamento delle macchine operatrici.
Individuazione dei dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.Controlli pre-utilizzo: controlli visivi e funzionali del trattore, dei dispositivi di comando e di sicurezza.Pianificazione delle operazioni di campo: pendenze, accesso, ostacoli sul percorso e condizioni del terreno.Esercitazioni di pratiche operative: tecniche di guida e gestione delle situazioni di pericolo.Guida del trattore su terreno in piano con istruttore sul sedile del passeggero. Le esercitazioni devono prevedere:a. guida del trattore senza attrezzature;
b. manovra di accoppiamento di attrezzature portate semiportate e trainate;c. guida con rimorchio ad uno e due assi;d. guida del trattore in condizioni di carico laterale (es. con decespugliatore a braccio articolato);e. guida del trattore in condizioni di carico anteriore (es. con caricatore frontale);
f. guida del trattore in condizioni di carico posteriore.Guida del trattore in campo. Le esercitazioni devono prevedere:a. guida del trattore senza attrezzature;b. guida con rimorchio ad uno e due assi dotato di dispositivo di frenatura compatibile con il trattore;c. guida del trattore in condizioni di carico laterale (es. lavorazione con decespugliatore a braccio articolato avente caratteristiche tecniche compatibili con il trattore);d. guida del trattore in condizioni di carico anteriore (es. lavorazione con caricatore frontale avente caratteristiche tecniche compatibili con il trattore);
e. guida del trattore in condizioni di carico posteriore. Messa a riposo del trattore: parcheggio e rimessaggio (ricovero) in area idonea, precauzioni contro l’utilizzo non autorizzato.

Parte teorica: doveri e responsabilità del datore di lavoro e dell’operatore, conoscenza degli organismi di verifica e controllo, tecnologia di macchine e attrezzature, messa in servizio e fuori servizio, apparecchi di comando ed equipaggiamenti di controllo, uso appropriato dei movimenti e loro combinazioni, segnali gestuali, comunicazioni via radio, segnaletica di sicurezza, manovre per il sollevamento ed il posizionamento dei carichi o delle persone, ispezione e manutenzione, uso della documentazione, rapporti sul cattivo funzionamento, interventi di emergenza.


Prove pratiche: esercizi operativi, prove, uso del mezzo, manutenzione e situazioni di emergenza.
I corsi si svolgeranno in una o due giornate, in base alle ore previste dalla legge. Per ottenere l’attestato, i partecipanti dovranno superare positivamente un test di verifica sia sulla parte teorica che sulla prova pratica, al termine del quale gli verrà rilasciato un attestato nominativo di frequenza.

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social
Pubblicato il Lascia un commento

Corso Gru a Torre Edile

Corso Gru a Torre Edile

Il corso è rivolto agli operatori di gru a torre che vogliono conseguire l’Abilitazione. E’ considerata una gru a torre, da definizione, una “gru a graccio orientabile, con il braccio montato sulla parte superiore di una torre che sta approssimativamente in verticale nella posizione di lavoro“. Esistono differenti tipologie di gru a torre in commercio, la principale divisione in categorie riguarda il tipo di rotazioni. Alcune gru a torre hanno la rotazione in alto mentre altre la rotazione in basso.

Il corso di formazione sarà articolato attraverso un modulo TEORICO (giuridico-normativo e tecnico, relativo all’uso in sicurezza dell’attrezzatura e ai rischi ad essa connessi) ed uno PRATICO nel quale si svolgeranno le esercitazioni con le attrezzature oggetto del corso.

1. Modulo giuridico – normativo (1 ora) 1.1. Presentazione del corso. Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai lavori in quota ed all’uso di attrezzature di lavoro per lavori in quota (D.Lgs. n. 81/2008). Responsabilità dell’operatore.

2. Modulo tecnico (7 ore)

2.1. Norme generali di utilizzo della gru a torre: ruolo dell’operatore rispetto agli altri soggetti (montatori, manutentori, capo cantiere, ecc.). Limiti di utilizzo dell’attrezzatura tenuto conto delle sue caratteristiche e delle sue condizioni di installazione. Manovre consentite tenuto conto delle sue condizioni di installazione (zone interdette, interferenze, ecc.). Caratteristiche dei carichi (massa, forma, consistenza, condizioni di trattenuta degli elementi del carico, imballaggi, ecc.).

2.2. Tipologie di gru a torre: i vari tipi di gru a torre e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche.

2.3. Principali rischi connessi all’impiego di gru a torre: caduta del carico, rovesciamento della gru, urti delle persone con il carico o con elementi mobili della gru a torre, rischi legati all’ambiente (vento, ostacoli, linee elettriche, ecc.), rischi legati all’uso delle diverse forme di energia (elettrica, idraulica, ecc.).

2.4. Nozioni elementari di fisica: nozioni di base per la valutazione dei carichi movimentati nei cantieri, condizioni di equilibrio di un corpo.

2.5. Tecnologia delle gru a torre.

2.6. Componenti strutturali.

2.7. Dispositivi di comando e di sicurezza.

2.8. Le condizioni di equilibrio delle gru a torre. Gli ausili alla conduzione della gru (anemometro, indicatori .di carico e altri indicatori, ecc.).

2.9. L’installazione della gru a torre. Mezzi per impedire l’accesso a zone interdette (illuminazione, barriere, ecc.).

2.10. Controlli da effettuare prima dell’utilizzo.

2.11. Modalità di utilizzo in sicurezza della gru a torre: Operazioni di messa in servizio (blocco del freno di rotazione, sistemi di ancoraggio e di blocco, ecc.). Verifica del corretto funzionamento dei freni e dei dispositivi di sicurezza. Valutazione della massa totale del carico. Regole di corretto utilizzo di accessori di sollevamento (brache, sollevamento travi, pinze, ecc.). Valutazione delle condizioni meteorologiche. La comunicazione con i segni convenzionali o altro sistema di comunicazione (audio, video, ecc.). Modalità di esecuzione delle manovre per lo spostamento del carico con la precisione richiesta (posiziona mento e bilanciamento del carico, con la minima oscillazione. possibile, ecc.). Operazioni vietate. Operazioni di fine utilizzo (compresi lo sblocco del freno di rotazione e “eventuale sistemazione di• sistemi di ancoraggio e di blocco). Uso della gru secondo le condizioni d’uso previste dal fabbricante.

2.12. Manutenzione della gru a torre. Semplici operazioni di manutenzione (lubrificazione; pulizia di alcuni organi o componenti; ecc.).

3. Modulo pratico (4 ore – 6 ore)

A seconda della tipologia di macchine oggetto del corso di formazione, le prove pratiche hanno lo scopo di valutare il corretto utilizzo (addestramento) in sicurezza, verificando il comportamento degli operatori in base a quanto trattato nelle sezioni teoriche. In generale le prove pratiche prevedono l’illustrazione dei vari componenti delle macchine, apparecchi di sollevamento ed accessori con riferimento al manuale di uso e manutenzione fornito dal costruttore ed il loro utilizzo pratico simulando il luogo di lavoro e le operazioni tipiche delle macchine oggetto del corso di formazione. Più nello specifico saranno effettuati:

3.1. Individuazione dei componenti strutturali: torre, puntoni, braccio, controbraccio tiranti, struttura di base, struttura di fondazione, sostegno della cabina, portaralla e ralla, vie di traslazione (per gru traslanti).

3.2. Individuazione dei dispositivi di comando e di sicurezza.

3.3. Controlli pre-utilizzo. Diagrammi di carico. Prove dei dispositivi di ausilio alla conduzione di sicurezza (anemometro, indicatori di carico e altri indicatori, limitatori di momento, dispositivi antiinterferenza, ecc.). Condizioni di installazione (piani di appoggio, ancoraggi, contrappesi, barriere contro l’accesso a zone interdette).

3.4. Utilizzo della gru a torre: operazioni di messa in servizio (blocco del freno di rotazione, sistemi di ancoraggio e di blocco, ecc.). Verifica del corretto funzionamento dei freni e dei dispositivi di sicurezza. Accesso alla cabina. Valutazione della massa totale del’ carico. Utilizzo di accessori di sollevamento (brache, sollevamento travi, pinze, ecc.). Esecuzione delle manovre per lo spostamento del carico con la precisione richiesta (posiziona mento e bilanciamento del carico, con la minima oscillazione possibile, ecc.). Uso dei comandi posti su pulsantiera pensile. Uso dei comandi posti su unità radio-mobile. Uso accessori d’imbracatura, sollevamento e sgancio dei carichi. Spostamento del carico attraverso ostacoli fissi e aperture, avvicinamento e posizionamento al suolo e su piani rialzati. Arresto della gru sul luogo di lavoro (messa fuori servizio in caso d’interruzione dell’esercizio normale). Controlli giornalieri della gru a torre, prescrizioni operative per la messa fuori servizio e misure precauzionali in caso di avverse condizioni meteorologiche.

3.5. Operazioni di fine-utilizzo: controlli visivi e funzionali della gru, dei dispositivi di comando e di sicurezza previsti dal costruttore e dal manuale di istruzioni della gru. Posizionamento del carrello e del gancio di sollevamento. Sblocco del freno di rotazione. Sistemi di ancoraggio e di blocco. Sezionamento dell’alimentazione elettrica.

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social
Pubblicato il Lascia un commento

OPERATORE ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI GRU PER AUTOCARRO

OPERATORE ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI GRU PER AUTOCARRO

Il corso, conforme all’Accordo Stato Regioni del 22/02/2012, è rivolto agli operatori addetti alla conduzione di gru per autocarro con il fine di fornire le nozioni necessarie per svolgere l’attività lavorativa riducendo i rischi e tutelando la salute e la sicurezza personale.

Il corso ha l’obiettivo di abilitare l’operatore all’utilizzo della gru su autocarro ai sensi dell’Accordo Stato Regioni del 22/2/2012, fornendo al partecipante nozioni teoriche e pratiche al fine di utilizzare l’attrezzatura in condizioni di sicurezza.

Il corso è rivolto agli operatori che sono incaricati all’utilizzo di gru per autocarro. 

I docenti incaricati allo svolgimento della formazione sono esperti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro qualificati ai sensi del D.I. del 06/03/2013. Gli istruttori incaricati sono in possesso dei requisiti previsti dall’Accordo Stato Regioni del 22/02/2012.

12 ore

il modulo teorico (4 ore) può essere svolto in presenza o in FAD, il modulo pratico (8 ore) deve essere svolto in presenza.

MODULO GIURIDICO

Presentazione del corso:

  • Normativa generale
  • Normativa di riferimento attrezzature di lavoro per operazioni di movimentazione dei carichi
  • Responsabilità dell’operatore

-MODULO TECNICO 

  • Terminologia, caratteristiche delle diverse tipologie di gru per autocarro con riferimento alla posizione di installazione, loro movimenti e equipaggiamenti di sollevamento, modifica delle configurazioni in funzione degli accessori installati.
  • Nozioni elementari di fisica per poter valutare la massa di un carico e per poter apprezzare le condizioni di equilibrio dì un corpo, oltre alla valutazione dei necessari attributi che consentono il mantenimento dell’insieme gru con carico appeso in condizioni di stabilità
  • Condizioni dì stabilità di una gru per autocarro: fattori ed elementi che influenzano la stabilità.
  • Caratteristiche principali e principali componenti delle gru per autocarro.
  • Tipi di allestimento ed organi di presa
  • Dispositivi di comando a distanza.
  • Contenuti delle documentazioni e delle targhe segnaletiche in dotazione delle gru per autocarro.
  • Utilizzo delle tabelle di carico fornite dal costruttore.
  • Principi di funzionamento, di verifica e dì regolazione dei dispositivi limitatori, indicatori, di controllo.
  • Principi generali per il trasferimento, il posizionamento e la stabilizzazione.
  • Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e· valutazione dei rischi più ricorrenti nell’utilizzo delle gru per autocarro (caduta del carico, perdita di stabilità della gru per autocarro, urto di persone con il carico o con la gru, rischi connessi con l’ambiente, quali vento, ostacoli, linee elettriche, ecc.. Rischi connessi alla non corretta stabilizzazione).
  • Segnaletica gestuale

-MODULO PRATICO 

Individuazione dei componenti strutturali

  • Base, telaio e controtelaio, sistemi di stabilizzazione, colonna, gruppo bracci.

Dispositivi di comando e sicurezza 

  • Identificazione dei dispositivi di comando (comandi idraulici ed elettroidraulici, radiocomandati) e loro funzionamento 

Controlli pre-utilizzo

  • Controlli visivi e funzionali della gru per autocarro e dei componenti accessori, dei dispositivi di comando, di segnalazione e di sicurezza, previsti dal costruttore nel manuale di istruzioni dell’attrezzatura. Manovre della gru per autocarro senza carico (sollevamento, estensione, rotazione, ecc.) singole e combinate.

 

Controlli prima del trasferimento su strada

  • Verifica delle condizioni di assetto (struttura di sollevamento e stabilizzatori).

 

Pianificazione delle operazioni del sollevamento

  • Condizioni del sito di lavoro (pendenze, condizioni del piano di appoggio), valutazione della massa del carico, determinazione del raggio, configurazione della gru per autocarro, sistemi di Imbracatura, ecc ..

Posizionamento della gru per autocarro sul luogo di lavoro

  • Posizionamento della gru rispetto al baricentro del carico, delimitazione dell’area di lavoro, segnaletica da predisporre su strade pubbliche, messa in opera di stabilizzatori, livellamento della gru. Procedure per la messa in opera di accessori, bozzelli, stabilizzatori, ecc ..

Esercitazione di pratiche operative

    • Effettuazione di esercitazioni di presa/aggancio del carico per il controllo della Rotazione, dell’oscillazione, degli urti e del posizionamento del carico. 
  • Operazioni In prossimità di ostacoli fissi o altre gru (interferenza). Movimentazione di carichi di uso comune e carichi dì forma particolare quali: carichi lunghi e flessibili, carichi piani con superficie molto ampia, carichi di grandi dimensioni. Manovre di Individuazione dei componenti strutturali.

Al termine del corso sarà rilasciato l’attestato di partecipazione e il relativo patentino previo superamento della prova finale teorica e pratica sul campo prova.

Secondo le indicazioni dell’Accordo Stato Regioni del 22/02/2012 la formazione degli operatori addetti all’utilizzo di gru su autocarro prevede un aggiornamento periodico quinquennale della durata di 4 ore.

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social
Pubblicato il Lascia un commento

Corso Addetto ai lavori in quota e DPI di III Categoria

Corso Addetto ai lavori in quota e DPI di III Categoria

Per Lavori in Quota si intendono quelle attività lavorative che espongono il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 metri rispetto ad un piano stabile. Il D.Lgs 81/2008 obbliga l’informazione e la formazione del Datore di Lavoro e di tutto il personale che svolge quest’attività. Il corso è erogato unitamente alla formazione e all’addestramento di DPI di III categoria (imbracature) per prevenire i rischi di cadute dall’alto.

 ll corso fornisce ai lavoratori un’adeguata conoscenza della normativa vigente relativa ai lavori in quota e uno specifico addestramento circa l’uso corretto e l’utilizzo pratico dei DPI di III categoria.

 l corso lavori in quota è rivolto a coloro che svolgono una qualsiasi attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta dall’alto da una quota posta ad altezza superiore a 2 metri rispetto ad un piano stabile di appoggio.

I docenti incaricati allo svolgimento della formazione sono esperti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro qualificati ai sensi del D.I. del 06/03/2013.

8 ore

il modulo teorico (4 ore) può essere svolto in aula o in FAD, il modulo pratico (4 ore) deve essere svolto in aula. 

MODULO TEORICO

  • Cenni sulla normativa generale in materia di sicurezza sul lavoro: Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 
  • Riferimento ai Dispositivi di Protezione Individuale: D. Lgs. 81/2008 Titolo III, Capo II 
  • Lavori in quota: D. Lgs. 81/2008 art. 107 
  • Caduta dall’alto: rischio, prevenzione e protezione 
  • Tipologie di DPI anticaduta di 3^ categoria 
  • Individuazione dei sistemi anticaduta più corretti ed adeguati rispetto al tipo di lavoro da svolgere 
  • Il punto di ancoraggio sicuro ed i sistemi di ancoraggio 
  • Sistemi di protezione: posizionamento, trattenuta ed arresto caduta 
  • Fattore di caduta e tirante d’aria nei sistemi anticaduta 
  • Verifica e manutenzione dei DPI. Importanza della consultazione del manuale d’uso 
  • Soccorso all’operatore in quota

MODULO PRATICO

  • Aspetti preliminari 
  • Addestramento all’uso dei DPI anticaduta: vestizione corretta dei DPI anticaduta, collegamento corretto dei DPI anticaduta e scelta dell’ancoraggio e sistema di ancoraggio, prove di salita e discesa da una linea rigida verticale 
  • Gestione delle emergenze, recupero dell’operatore in gravi difficoltà 
  • Simulazione di recupero in emergenza a seguito di una caduta con ausilio di dispositivo recuperatore/evacuatore 

Al termine del corso sarà rilasciato l’attestato di partecipazione previo superamento del test finale.

Secondo le indicazioni dell’Art.77 del D.Lgs 81/08 la formazione degli addetti ai lavori in quota prevede un aggiornamento periodico quinquennale della durata di 4 ore.

INFORMAZIONI

Per info e prenotazioni si prega di contattare il numero 0882 600353 oppure compila il form per essere ricontattato.

Isaf Consulting

Indirizzo

Via Umberto Fraccacreta, 34, 71016 San Severo FG

Contatti

Email : info@isafconsulting.com

Orari ufficio

Dal lunedì al venerdì

8.30 – 13.00 | 15.30 – 19.00

Seguici sui social